Caratteristiche del pneumatico

Il pneumatico è un prodotto tecnologico sofisticato costituito da diversi componenti.
Le caratteristiche fondamentali del pneumatico (scritte con marcature di codici impressi a caldo nella parte laterale dello stesso) sono:
DIMENSIONI
Le misure di una gomma vengono indicate con dei numeri ad esempio: 205/55 R16
- il primo valore (205) è la larghezza in mm;
- il secondo valore (55) è l'altezza del fianco in percentuale sulla larghezza del battistrada;
- il terzo valore (16) è il diametro del cerchio in pollici.
La R indica la struttura della carcassa, Radiale, distinguendola da quelle convenzionali che venivano usate in passato.

CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI

Indice di carico
L'indice di carico del pneumatico rappresenta la sua massima capacità di carico. È importante scegliere un pneumatico sostitutivo che corrisponda ai parametri indicati dalla casa automobilistica.
Durante la scelta di un pneumatico è opportuno tener conto sia dei valori di carico che dei codici di velocità. Il valore di carico è impresso sul fianco del pneumatico accanto all'indicazione del diametro.

Visualizza la tabella (in pdf) degli indici di carico >

Codice di velocità
Il codice di velocità indica la velocità massima consentita dalla legge per un pneumatico con pressione di gonfiaggio corretta e utilizzato sotto carico.
Il codice di velocità è impresso sul fianco del pneumatico e rappresentato da una lettera. Un pneumatico con codice di velocità V, ad esempio, è omologato per una velocità massima di 240 km/h.
Quando si decide di sostituire i pneumatici, è essenziale verificare che il codice di velocità sia compatibile con la velocità prescritta per il veicolo su cui vanno montati.

Visualizza la tabella (in pdf) degli indici di velocità > 


CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Informazioni riportate sul pneumatico
Tutte le informazioni importanti sul pneumatico sono stampate sul suo fianco.
Leggendo queste informazioni è possibile mantenere in buone condizioni i pneumatici e sostituirli con un nuovo treno al momento opportuno.
La nostra guida fornisce informazioni sul significato dei vari numeri e lettere.

Marchio di omologazione ECE e numero
Indica che il pneumatico è conforme agli standard della Commissione economica per l'Europa delle Nazioni Unite (o UNECE dall'acronimo inglese di United Nations Economic Commission for Europe) per quanto concerne i pneumatici.

Informazioni sulla pressione dei pneumatici
È la massima pressione di gonfiaggio dei pneumatici ed è importante conoscerla quando se ne controlla la pressione. Consultare il manuale del veicolo per ulteriori informazioni.

Indicatori d'usura del battistrada
Le lettere "TWI" indicano le posizioni degli indicatori di usura sul battistrada del pneumatico. È opportuno controllare gli indicatori con regolarità per verificare che il battistrada sia sufficientemente profondo. Nei paesi UE, in genere, è ammessa una profondità minima di 1,6 mm.

Data di produzione (DOT)
La data di produzione del pneumatico è espressa da un codice a quattro cifre che indica la settimana e l'anno.

TRACTION
Riguarda l'aderenza del pneumatico, in condizioni standard di laboratorio, nell'arresto su fondo bagnato. La qualità della prestazione va da AA (il valore più alto) a C.

TEMPERATURE
Indica la capacità del pneumatico nel dissipare il calore prodotto durante il rotolamento;
varia da A (il grado migliore) a C.

ROTATION
Indica il verso di rotazione della gomma.

Marcatura M+S
I pneumatici marchiati M+S sono pneumatici invernali standard con mescola, disegno e struttura del battistrada progettato principalmente per assicurare una maggiore trazione su fango e neve rispetto ai normali pneumatici estivi, tuttavia non devono attenersi a nessuna specifica performance invernale.

Marcatura “Snowflake”
Questo simbolo identifica i pneumatici invernali omologati secondo i più severi standard americani e che forniscono elevate prestazioni di sicurezza e controllo sulla neve, sul ghiaccio e, in generale, alle basse temperature. Per questo tutti i pneumatici invernali sono contrassegnati anche dal simbolo “Snowflake” e garantiscono un grip in trazione nettamente migliore rispetto ai normali pneumatici invernali M+S.

TUBELESS TYRE (TL)
Indica che lo pneumatico non ha bisogno di camera d’aria.

TUBE TYPE TYRE (TT)
Indica che lo pneumatico ha bisogno di camera d’aria.

RUN FLAT
Run Flat è il tipo di pneumatico che anche a pressione zero garantisce determinati requisiti di stabilità e sicurezza (ad una velocità ben definita e per un chilometraggio limitato). Il carico e il peso della vettura vengono supportati grazie a particolari rinforzi presenti nel fianco del pneumatico. Inoltre hanno dei profili espressamente disegnati per evitare che la gomma si separi dal cerchio. La costruzione di questo profilo è fatta con tipi speciali di gomma che resistono all’aumento delle temperature.
Si può facilmente riconoscere un pneumatico Run Flat dal simbolo riportato sul fianco. Ogni casa usa il suo, per questi qui di seguito sono riportati le indicazioni più utilizzate:
• Goodyear: ROF o EMT
• Dunlop: DSST
• Bridgestone: RFT
• Firestone: RFT
• Micheliz: ZP
• Pirelli: Run Flat Technology o Self-Supporting Run Flat
• Continental: SSR

FR: cordolo di protezione
FR o FP o ML o MFS: il pneumatico è dotato di bordino di protezione ovvero cordolo di protezione del cerchio. Si può trovare una o l’altra sigla a seconda della marca del pneumatico.
XL: pneumatico Extra Load 
Gli Extra Load sono pneumatici con spalla rinforzata in grado di rispondere meglio alle sollecitazioni di peso e ridurre il rischio di tagli e forature.

Le omologazioni
Gli pneumatici possono essere omologati per marche di auto:
AO o R01 o R02 o R1: pneumatico omologato Audi
AR: pneumatico omologato Alfa Romeo
* o BMW: pneumatico omologato BMW
FI: pneumatico omologato Fiat
FO: pneumatico omologato Ford
HO: pneumatico omologato Honda
J: pneumatico omologato Jaguar
LR: pneumatico omologato Land Rover
MO o MOE: pneumatico omologato Mercedes
N0 o N1 o N2 o N3 o N4 o N6: pneumatico omologato Porsche
PE: pneumatico omologato Peugeot
RE: pneumatico omologato Renault
TO: pneumatico omologato Toyota
VW: pneumatico omologato Volkswagen

 

Il battistrada

Il battistrada è la parte dello pneumatico a contatto con l’asfalto ed è costituito da una mescola vulcanizzata e dettagliata da scanalature in grado di dare una buona aderenza al terreno e consentire al pneumatico di restituire alte prestazioni.
I battistrada si differenziano per disegno che denota il tipo di utilizzo dello pneumatico. Auto, moto, camion o altri mezzi montano pneumatici dai disegni diversi perché diverse sono le esigenze di chi guida il mezzo.

Pneumatico simmetrico, asimmetrico o direzionale?



Pneumatici simmetrici
I pneumatici con battistrada simmetrico hanno lo stesso disegno, con la stessa scolpitura e lo stesso disegno dei tasselli su tutta la gomma.
Questo tipo di pneumatico è il più comune e diffuso, e si trova come primo equipaggiamento sulla maggior parte delle autovetture (con l’esclusione delle vetture ad alte prestazioni) perché è tipicamente silenzioso e di lunga durata. Inoltre, possono essere ruotati in molti modi diversi, il che contribuisce a prolungare la durata dei pneumatici e li rende più versatili.

Pneumatici asimmetrici
I pneumatici asimmetrici sono quelli con un disegno del battistrada su un lato diverso rispetto al lato opposto. Avranno sempre sul fianco la scritta “Outside” (in inglese “esterno”) – o qualcosa di simile.
Il motivo per cui i progettisti di pneumatici utilizzano asimmetria nel disegno del battistrada è permettere al pneumatico di essere abbastanza bravo a fare 2 cose contrastanti tra di loro. Il lato esterno del battistrada del pneumatico ha grandi blocchi, che assolvono alla funzione di migliorare la trazione a secco e di offrire maggiore rigidità ed appoggio in curva (quando il peso della vettura si sposta verso il lato esterno del pneumatico); il lato interno ha piccoli blocchi con una maggiore presenza di lamelle, ottimo per migliorare la trazione sul bagnato ed in caso di neve.
I pneumatici asimmetrici possono essere ruotati a croce, in pratica non ci sono restrizioni agli schemi di rotazione. L’esperienza comune è che la rotazione ad “X”, in cui i pneumatici vengono spostati agli angoli opposti degli assi della vettura è quella che permette al battistrada di consumarsi più uniformemente.

Pneumatici direzionali
I pneumatici direzionali hanno una freccia sul fianco ad indicarne il verso di rotazione. Se non ha una freccia non è direzionale, e non importa in che modo ruota.
La ragione principale del design direzionale del battistrada dei pneumatici è la trazione sul bagnato, anche se ultimamente si sono molto diffusi modelli di pneumatici direzionali invernali, per migliorare la trazione sulla neve. “Trazione” in realtà non sarebbe il termine giusto, dovremmo parlare di direzionalità; i pneumatici direzionali infatti hanno un disegno del battistrada a freccia, che sembra quasi indicare la direzione di marcia, ed infatti questo design ha la funzione di migliorare la direzionalità, la capacità del veicolo di mantenere la direzione impostata, su superfici bagnate o innevate.
Se si monta un pneumatico direzionale alla rovescia, cioè in modo che ruoti nella direzione sbagliata, l’unico inconveniente è una ridotta trazione direzionale sul bagnato (o sulla neve). Un montaggio erroneo non pregiudica l’usura o il grip su asfalto asciutto, o qualsiasi altra caratteristica.

Ovviamente con pneumatici direzionali non è possibile “incrociare” i pneumatici a meno di smontarli e rimontarli sul cerchio invertiti, ma solo spostarli dall’asse anteriore a quello posteriore e viceversa.